Counselling Situazionale

Counselling Situazionale: che cos'è?

Abbiamo affrontato l'argomento del Counselling, per cercare di comprendere cosa sia (clicca qui per rileggerlo), e come si sviluppa il nostro progetto formativo per le Scuole di Counselling. Il prossimo step sarà quello di capire e approcciare con il concetto di Counselling Situazionale.

 

"Il Counselling Situazionale" di Roberto Gilardi

Per cercare di spiegare al meglio il concetto di Counselling Situazionale, la cosa migliore è sicuramente utilizzare le parole del padre fondatore di questo metodo innovativo, nonché autore del libro "Il Counselling Situazionale": Roberto Gilardi.

«L'ideale per comprendere appieno cosa sia il Counselling Situazionale, sarebbe portarvi all'interno dell'aula durante una lezione formativa.»

Nel libro infatti, il Dott. Gilardi affronta il tema così:

"Quando a dominare è l’approccio di riferimento, il comportamento del Counsellor è omologato, uniforme. L’approccio di riferimento non è solo impianto teorico ma anche pragmatico.

Indipendentemente dalla persona o dal gruppo di persone che si ha di fronte: gli schemi sono gli stessi, i filtri sono gli stessi, le categorie sono le stesse.

Si tratta solo di applicarle nel modo migliore, e possibilmente più ortodosso possibile, per non tradire le appartenenze, anche se le persone di fronte sono estremamente differenti tra di loro.  

 

Qual è il limite di un approccio trasformato in dogma? Che funziona con alcune persone e con altre no. 

Avviandoci verso la comprensione di cosa si intenda per Counselling Situazionale, diciamo che quanto descritto in precedenza è una buona premessa, ma la cosa non è così semplice o semplificata." 

 

Leadership Situazionale

"Per dipanare la matassa, possiamo partire da un po’ più lontano nel tempo, in particolare tornando agli anni settanta del secolo scorso, quando due autori, Kenneth Blanchard e Paul Hersey, danno vita al loro modello di “Leadership Situazionale”.  

Il concetto principale attorno al quale ruota questo modello, sembra apparentemente semplice: i manager devono attuare stili differenti di leadership, in funzione di situazioni o circostanze differenti.  

Un approccio prevalentemente collegato al contesto aziendale, ma che ognuno di noi potrebbe facilmente riportare in altri ambiti: Scuola, Famiglia, Terzo Settore, Amministrazione Pubblica, in tutti i contesti sociali organizzati nei quali si attivano realtà di gruppo, con suddivisione di ruoli e gestione di leadership.

In ognuno di questi contesti, la leadership potrebbe essere esercitata in modo differente, a seconda di alcuni fattori che intervengono.  Senza entrare troppo nel dettaglio per ovvi motivi, la Leadership Situazionale organizza e sistematizza questi differenti stili, secondo due direttrici (orientamento al compito e orientamento alla relazione), e nella diversa combinazione di queste due direttrici, ipotizza quattro differenti modalità di approccio alle varie situazioni, che chiama in questo modo:

  • Telling (che accentra nel leader la decisione di ruoli e mansioni, partendo dalla ipotesi di scarsa competenza dei collaboratori);
  • Selling (che bilancia la centratura di decisioni, con l’incoraggiamento ai collaboratori per innalzarne la stima e quindi la competenza); 
  • Partecipating (che favorisce la partecipazione e l’assunzione di decisioni da parte dei collaboratori, ma sempre con la facilitazione e la supervisione del leader); 
  • Delegating (che sviluppa la capacità di delega di funzioni e responsabilità e facilita l’apprendimento organizzativo e l’aumento di expertise).

 

Quindi quali sono gli elementi che un Counsellor potrebbe e forse dovrebbe tenere in considerazione per la scelta di quale leadership attuare?

Quale tipologia di colloquio o abilità comunicative e relazionali è opportuno utilizzare con chi si ha di fronte?

Per rispondere dobbiamo prima capire quali sono gli elementi che fanno parte della struttura di una relazione d'aiuto:

  1. Counsellor
  2. Cliente
  3. Relazione
  4. Contesto
  5. Situazione

 

Da qui possiamo quindi comprendere su cosa si focalizza il Counselling Situazionale.

 

Situazione

"Ogni situazione richiede particolari attenzioni, e ogni situazione richiede al Counsellor la capacità di lettura e adattamento, sempre in correlazione con gli altri fattori.

Il Counselling Situazionale richiede la costruzione di una professionalità solida e organizzata, fatta di studio e metodo, proprio perché non si tratta di apprendere aspetti standard da applicare in modo "meccanico" a tutte le situazioni.

Al contrario il Counselling Situazionale richiede la capacità di organizzare l'agire mentre lo si agisce, cioè in tempo reale."

 

 

Questo è solo la punta dell'iceberg di un ambito vasto e interessante come è quello del Counselling.

Leggendo quest'articolo per potrai scoprire chi è Roberto Gilardi o, cliccando qui, accadere al sito dedicato alla Formazione per Counsellor.

 

Se invece sei interessato a conoscere la nuova offerta formativa FAD ECM, per aumentare le Soft Skills in Ambito Sanitario, scopri il nuovo percorso formativo Academy rivolto a tutti i professionisti della salute.

 

Italian Medical Research

Provider ECM n°1344 accreditato presso il Ministero della Salute - Agenas.

L'offerta formativa IMR risulta essere piuttosto ampia e variegata, in modo da offrire possibilità di scelta a tutti i professionisti della salute e di incontrare le loro esigenze.

La nostra attività di supporto inoltre si basa su un rapporto tra persone, mettendo quindi al centro il professionista sanitario e tutti i suoi bisogni.

Se vuoi dare un'occhiata alla nostra offerta formativa e scoprire i Corsi FAD 2020-2022, clicca qui.

Puoi anche scoprire il programma ECM Club Medici, riservato ai loro soci.

Per ogni altra informazione non esitare a contattarci o consulta la FAQ.